Percorsi in città

percorsi-in-citta-cooperativa-alice
PERCORSI DIDATTICI IN CITTA’

Per scuole primarie e secondarie di I grado già accreditate per l’iniziativa Città come Scuola di Roma Capitale

 

PERCORSI (clicca sul titolo per espandere)

Bernini, Borromini e Caravaggio: “Tre geni a confronto”

Per la scuola secondaria di I grado
Luoghi: Chiese di San Luigi dei Francesi, S. Agostino, S. Ivo alla Sapienza e S. Agnese con conclusione a Piazza Navona presso la Fontana dei Fiumi.
Un excursus attraverso l’arte del Seicento, per scoprirne i protagonisti, le forme, i soggetti e le ragioni delle scelte personali dei tre diversi artisti. L’architettura del barocco romano attraverso la lettura di Borromini: la spirale, la linea concava, i materiali e le simbologie. La scultura barocca e il genio di Bernini nel simulare attraverso il marmo la leggerezza e la morbidezza delle stoffe, la freschezza e l’energia dell’acqua che scorre. La pittura del sentimento di Caravaggio, attraverso la ricognizione di alcuni dei suoi dipinti più belli.
Le forme di rappresentazione d’ispirazione classica, con il loro equilibrio, il pathos, la composizione, i personaggi e i loro abiti, negli affreschi di Domenichino. Visita delle Chiese di San Luigi dei Francesi, S. Agostino, S. Ivo alla Sapienza e S. Agnese, con conclusone della visita a Piazza Navona.
Ad ogni classe partecipante verrà offerta la pubblicazione Barocco a confronto: due geni su un colle Bernini e Borromini.
Costantino Imperatore: alla ricerca delle sue tracce in Città

Per la scuola primaria
Luoghi: Basilica di Costantino (o Massenzio), Arco di Costantino e Cappella di S. Silvestro nel Monastero dei SS. Quattro Coronati.
La figura dell’imperatore Costantino accompagnerà i bambini in questa visita che si propone di essere essa stessa un laboratorio all’aperto, ricco di testimonianze archeologiche e storico-artistiche, che offra loro un’esperienza creativa dello spazio urbano della propria città. Si partirà dalla visita dei siti per arrivare a comprendere il delicato passaggio dalla Roma pagana e imperiale alla Roma cristiana e papale.
Si parte dalla Basilica di Massenzio, si prosegue con l’Arco di Costantino e si completa il percorso nella Cappella di S. Silvestro con il ciclo di affreschi del XIII sec. sulla leggenda della donazione di Costantino alla chiesa di Roma. Un percorso ricco di stimoli, di immagini vivaci e colorate. Durante la visita i bambini riceveranno materiale e schede didattiche anche sotto forma di caccia al personaggio, quiz, riconoscimento di immagini, atte a fermare le conoscenze apprese durante la visita.
La terza Roma “il quartiere EUR”

Per la scuola secondaria di I grado
Luoghi: Da Piazza delle Nazioni Unite, verso il lago artificiale e il Palazzo dello Sport, passeggiando tra il Palazzo dei Congressi, Piazza Marconi, l’edificio del Museo della civiltà romana, la chiesa dei SS. Pietro e Paolo e l’archivio di Stato.
Il quartiere dell’Eur rappresenta il manifesto celebrativo del sistema culturale, sociale e politico del regime fascista. La visita prevede un itinerario articolato alla scoperta del tessuto urbano e architettonico del quartiere-città denominato E42. L’intento dell’itinerario è di consentire ai ragazzi di scoprire il linguaggio architettonico che si sviluppa a Roma tra il terzo e il quarto decennio del ventesimo secolo, periodo caratterizzato dall’aperta polemica tra seguaci dei movimenti razionalista e le posizioni più conservative dell’architettura di regime. La visita didattica al quartiere dell’Eur: Piazza delle Nazioni Unite con i palazzi dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale e dell’Istituto Nazionale delle Assicurazioni, il Palazzo della Civiltà e del Lavoro o Colosseo quadrato, il Palazzo dei Congressi, Piazza Marconi, gli edifici del polo museale, il complesso del museo della civiltà romana, la chiesa dei SS. Pietro e Paolo, l’edificio dell’archivio di stato e il lago artificiale e il palazzo dello sport. La visita si snoda attraverso un percorso che inizia lungo i due lati della cosiddetta via Imperiale, odierna Cristoforo Colombo e prosegue lungo i tre assi stradali perpendicolari che l’attraversano.